News

06/02/2017 - Interventi all'Inaugurazione Anno Giudiziario 2017

Interventi al dibattito in occasione della cerimonia inaugurale dell'Anno Giudiziario 2017 della Corte di Appello

Interventi Anno Giudiziario 2017

06/02/2017 - Anno Giudiziario 2017 - Relazione del Presidente della Corte di Appello

Relazione inaugurale dell'Anno Giudiziario 2017 del Presidente della Corte di Appello

RELAZIONE ANNO GIUDIZIARIO 2017

11/01/2017 - Concorso Giustizia Efficiente nel Distretto di Salerno

Avviso per la candidatura allo svolgimento dei lavori di pubblica utilità da parte dei destinatari in possesso dei requisiti di cui al punto n.... [ Leggi tutto ]

concorso Giustizia Efficiente

04/01/2017 - D.M. 23/12/2016 – esame avvocato – sessione 2016

Individuazione delle sedi di Corte di Appello ove avrà luogo la correzione degli elaborati.

Nota Ministeriale

28/12/2016 - SERVIZIO AMBULANZA DA SOCCORSO PRESSSO IL PALAZZO DI GIUSTIZIA DI SALERNO

Si comunica che dal giorno 02/01/2017, nella fascia oraria 8,00-14,00, sarà attivo, presso il Palazzo di giustizia di Salerno, un servizio di a... [ Leggi tutto ]

News dal mondo del diritto

  • 25/05/2016 - Ordinanza emessa in data 20 maggio 2016 dalla Corte di Appello di Salerno (Pres. Tringali - rel. Pellegrino)in tema di revoca della pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici

  • 24/04/2016 - Sentenza Cassazione Penale, Sezioni Unite n. 13681, ud. del 25/02/2016, dep. il 06/04/2016 (Pres. Canzio, Rel. Blaiotta) in tema di non punibilità per particolare tenuità del fatto ex art. 131 bis c.p.

  • 15/04/2016 - Sentenza n. 623/2016, emessa dalla Corte di Appello di Salerno - sezione penale il 18 marzo 2016 in tema di depenalizzazione e prescrizione (Pres. estens. Dott. Pellegrino)

  • 15/04/2016 - Cassazione penale, sez. III, 25/10/1996, n. 10238 - Estinzione del reato e prescrizione; Sentenza Corte di Appello di Salerno, 18/03/2016, dep. contestualmente, n. 623/2016 (ricerca e redazione a cura della dott. Rita Guerra)

  • 07/04/2016 - Circostanze del reato - Suggestione di folla in tumulto - Sentenza n. 469/2016, emessa dalla Corte di Appello in data 01/03/2016 (Pres. Tringali - Estens. Pellegrino)
News dallo spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia -
a cura dell'Osservatorio www.slsg.unisa.it

02/02/2017 - Sentenza della Corte di giustizia del 31 gennaio 2017 - asilo - terrorismo

L’esclusione dello status di rifugiato prevista dalla direttiva 2004/83/CE non è limitata agli autori diretti di atti di terrorismo, ma può anche estendersi a soggetti che svolgono attività di reclutamento, organizzazione, trasporto o equipaggiamento a favore di individui che si recano in uno Stato diverso dal loro Stato di residenza o di cui hanno la cittadinanza allo scopo, segnatamente, di commettere, organizzare o preparare atti di terrorismo. Ai fini della valutazione individuale dei fatti operata dagli Stati membri, particolare rilievo deve essere accordato alla circostanza che la persona sia stata condannata dai giudici di uno Stato membro per partecipazione alle attività di un gruppo terroristico, al pari dell’accertamento che detta persona era membro dirigente di tale gruppo, senza che sia necessario stabilire che tale persona abbia essa stessa istigato la commissione di un atto di terrorismo o che vi abbia altrimenti concorso.

Testo integrale della sentenza

02/02/2017 - Sentenza della Corte di giustizia dell'11 gennaio 2017 - pene detentive

Le disposizioni della decisione quadro 2008/909/GAI inerente al reciproco riconoscimento delle sentenze penali che irrogano pene detentive o misure pr... [ Leggi tutto ]

02/02/2017 - Corte di giustizia, sentenza del 25 gennaio 2017 - mandato di arresto europeo

La Corte di giustizia precisa che il paragrafo 3 dell’art. 23 della decisione quadro 2002/584/GAI “deve essere interpretato nel senso che, in una situazione come quella di cui trattasi nel procedimento principale, l’autorità giudiziaria dell’esecuzione e l’autorità giudiziaria emittente concordano una nuova data di consegna in forza di tale disposizione, qualora la consegna del ricercato, entro un termine di dieci giorni successivi a una prima nuova data di consegna concordata in applicazione della disposizione in parola, sia impedita dalla resistenza ripetutamente opposta dal medesimo, sempreché, a causa di circostanze eccezionali, non fosse possibile, per tali autorità, prevedere siffatta resistenza e non fosse possibile evitarne le conseguenze, malgrado l’adozione di tutte le precauzioni del caso da parte delle stesse autorità, circostanza che spetta al giudice del rinvio verificare”.

Testo integrale della sentenza